Azienda

Più di 50 anni di esperienza

ferra ascensori

 

Progettazione, costruzione, installazione, manutenzione e assistenza post-vendita di ascensori e scale mobili. Ferrara Ascensori sostituisce e ammoderna impianti elevatori presso ogni tipo d'edificio, eseguendo tutte le attività collegate alla fornitura dell'impianto. L'organizzazione risolve ogni problema tecnico, architettonico e giuridico per la migliore scelta di un impianto elevatore. L'azienda produce ascensori elettrici con argano in alto, idraulici con movimento della cabina sospinta.

progettazione ascensori

Oggi

La Ferrarascensori & energia è una nuova realtà siciliana costruita sulle solide basi di una tradizione cinquantennale.

Dal 2013 un gruppo di giovani professionisti del settore, ha ereditato il grande patrimonio culturale, umano e professionale del pioniere di famiglia, Franco Ferrara, artefice di una vera e propria fucina del talento ascensoristico in Sicilia.

Occupa circa 25 dipendenti, tra laureati, diplomati e tecnici qualificati e opera all’interno di una struttura di circa 2.500 mq, suddivisa tra uffici, officine, laboratori specialistici e magazzini.

L’ azienda è specializzata nell’adattamento di nuovi impianti ascensore in edifici sprovvisti fin dalla costruzione di impianti per il trasporto di persone, in vano scala interno o all’esterno dello stesso, con l’utilizzo di incastellature metalliche certificate e sigillate, atte a resistere ad intemperie e di gradevole finitura estetica.

Punta di diamante dell’ attività aziendale è la sostituzione di impianti ascensore di vecchia generazione con altri dotati dei più moderni dispositivi di sicurezza e dei più recenti confort di marcia della cabina.

La formula chiavi in mano permette di ottimizzare tempi e costi dell’intervento, interamente eseguito da tecnici e maestranze interne senza interferenze con terzi nello svolgimento delle opere edili, elettriche e in ferro.

Dall’azionamento oleodinamico, ottimamente collaudato, all’elettrico tradizionale, fino agli mrl di ultimissima generazione, in versione 380v e 220v, ogni tipologia di elevatore rientra all’interno della capacità produttiva aziendale. L’elettronica è quella italiana di ultima generazione, e gli interni delle cabine sono particolarmente curati dal punto di vista estetico e funzionale. (vedi prodotti)

La Ferrarascensori & energia propone, oggi, una nuova linea di ascensori dalle finiture di nicchia, con acciai lavorati e decorati, marmi pregiati e legno, appositamente lanciata per i mercati arabi e presentata nel corso del brand itali del novembre 2014, nel project qatar del 2015 e del 2016 e nel tecnology days tenutosi a doha sempre nel 2016.

Per l’azienda è stato sempre ed ancora oggi è gratificante poter contribuire economicamente al sostegno ed alla crescita di tanti atleti nel mondo del basket e del calcio locali. La Ferrara ha dato e da il suo piccolo contributo alla crescita dei ragazzi delle società gruttacalda basket e armerina calcio.

Clienti

L’azienda ha una adeguata diffusione sul territorio nazionale, regionale ed internazionale. Si rivolge ad una clientela differenziata e articolata, suddivisibile tra settore pubblico (statale ed enti locali in genere), enti di rilevanza economica nazionale e clienti privati (imprese di costruzione , condomini e singole utenze). Progettisti, architetti, società di costruzione o proprietari privati di immobili, i clienti sono seguiti passo dopo passo dall’ufficio tecnico aziendale , in grado di assisterli anche nella scelta dell’impianto più idoneo alle condizioni ambientali ed al luogo di installazione. Rilevante è la capacità della Ferrarascensori di risolvere problematiche in materia di abbattimento delle barriere architettoniche.

Cenni Storici

Il Fondatore

ferrara franco

Francesco Ferrara nasce a Caltanissetta il 13 dicembre 1940. Muore, dopo fulminea malattia, il 13 giugno 2010 a Piazza Armerina. Figlio di un dirigente delle PP.TT. di Caltanissetta e di una casalinga è l’ultimogenito della famiglia, quarto figlio dopo due fratelli ed una sorella.Diplomato alla scuola tecnica e professionale dell’epoca, stage alla Magneti Marelli, già a vent’anni, di ritorno dal servizio militare presso il nucleo telegrafisti dell’Esercito, dopo una breve esperienza alla ESSO ed alla miniera di Pasquasia, entra a pieno titolo nella più grossa impresa di costruzioni del capoluogo nisseno, dove nel giro di pochi anni acquisisce l’incarico di capocantiere, dirigendo una cinquantina di operai. Lascia l’incarico per un tranquillo posto di impiegato alle PP.TT dove resiste per poco meno di tre mesi.Nel 1965 nasce la passione per l’ascensorismo, allora settore oscuro ed enigmatico ma in piena espansione grazie alla fiorente attività edilizia.Fonda la LIFE, società di fatto, acronimo di Liotti-Ferrara, dove Guido Liotti, amico e socio storico lo affianca nella parte amministrativa. E’ il 1969 quando conosciuta la futura moglie, Anna Maria, durante uno dei frequenti viaggi a Piazza Armerina, meta preferita per lavoro, alla vigilia di quel boom economico degli anni settanta, la sposa e trasferisce la propria attività nella città dei mosaici, dove nasce la Ferrara Ascensori nel 1973, in un minuscolo locale della via Filippo Guccio. Dall’unione con la giovane maestra elementare nascono i figli Ranieri Luca e Noelle. L’azienda cresce e si espande sul mercato regionale; ma con le soddisfazioni arrivano i problemi, legati all’assenza di aree produttive che impediscono lo sviluppo e frenano la crescita dell’attività. Anni difficili, densi di problemi e di sconforto, non ultima una sentenza di sfratto esecutivo che nel 1987 minacciò la ditta, quasi sull’orlo della chiusura, nonostante i 20 dipendenti in organico, tra il disinteresse della classe politica dell’epoca. La tenacia e la voglia di fare impresa a Piazza Armerina, la vicinanza della famiglia, lo spinsero a continuare, seppur dislocato in tre angusti locali di fortuna fino al 1990, quando arrivo’ il trasferimento nell’attuale sede della statale 117 bis. Ed è proprio nel 1988 che Franco Ferrara vistosi costretto ad abbandonare i locali nei quali operava ed in mancanza di idonee aree produttive in città, incline per natura al rispetto della legalità al di sopra di tutto, rifiutò l’idea di costruire in spregio alle norme edilizie il proprio stabilimento e decise di condurre una battaglia civile, sociale e politica per far sì che Piazza Armerina avesse quell’area artigianale agognata da un ventennio.

progettazione ascensori

Eletto presidente della Confederazione Nazionale dell’Artigianato poi vice presidente provinciale, venne eletto al Consiglio Comunale nel 1993, dove da indipendente, ingaggiò una durissima battaglia pubblica per far valere i diritti delle categorie produttive cittadine, all’insegna del motto “artigiana vota per Te, vota Ferrara”.

Da quel momento e per quindici anni tutta la vita pubblica e privata di Franco Ferrara è stata votata alla causa dello sviluppo socio-economico ed occupazionale della città di Piazza Armerina. Dapprima con l’approvazione delle mini aree artigianali a cura di quel Consiglio Comunale dell’epoca, poi con l’individuazione definitiva di quella che sarebbe poi stata, l’attuale sede della nuova e prima area artigianale piazzese, nei recenti anni a cavallo tra il 2007 ed il 2010.

Nel mezzo decine e decine di attività promozionali a favore degli artigiani, prima piazzesi, poi ennesi ed infine siciliani ed italiani, con Franco Ferrara che inanellava cariche e impegni a iosa, vicepresidente regionale della CNA Sicilia a Palermo, presidente regionale dell’ECIPA Sicilia, l’ente confederale di formazione della CNA, membro del Consiglio Nazionale dell’EBAS a Roma, l’ente di previdenza artigiana, presidente della Commissione provinciale dell’Artigianato di Enna dal 2000 al 2003. Con un pallino fisso: la realizzazione di quell’area artigianale per gli artigiani piazzesi, tra i pochi in Sicilia a non potere aver riconosciuto un sacrosanto diritto all’esercizio della propria attività d’impresa, nel pieno rispetto della legalità e con il supporto di un giusto e dignitoso luogo di rappresentanza imprenditoriale. Uno spazio di crescita per l’intera comunità ove potere allocare la scuola artigiana di arti e mestieri, la mostra annuale dell’artigianato, il recupero delle tradizioni artigianali locali, il centro di esposizione permanente dei prodotti locali e regionali.

Non ci sono stati segreti nella mia attività aziendale - ha sempre dichiarato Franco Ferrara, l’ingegnere per tutti, amici e concorrenti - la differenza sta in tre cose: la scelta di reinvestire sempre tutto nell’azienda, senza barche, vacanze e case di lusso, il rapporto forte e leale con i miei collaboratori, verso i quali avrò sempre un debito di gratitudine, la capacità di innovare sempre e comunque, nel pieno rispetto delle opportunità concesse dalla legge.

Patito di formazione, qualità e sicurezza Franco Ferrara ha finanziato e patrocinato innumerevoli stage formativi e professionali, collaborando con Istituzioni pubbliche e private. Fiore all’occhiello della sua idea imprenditoriale, le certificazioni di qualità ottenute nel 1999, tra i primi in Italia con l’IMQ di Milano e la formazione continua del proprio personale in collaborazione con il Dipartimento di Meccanica del Politecnico di Milano.

Pochi mesi prima di lasciarci, progetta e lancia un prototipo di ascensore elettrico, senza sala macchine, unico interamente costruito in Sicilia, che vede la luce qualche giorno dopo la sua scomparsa, installato presso la nuova sede del Comune di Caltagirone.

Nel corso degli anni non si contano le sue promozioni culturali, sportive, sociali a favore delle iniziative della città dei mosaici.

Share by: